Film

Marvel Cinematic Universe

By on 4 Gennaio 2015

Ecco un riassunto delle varie fasi dell’universo Marvel. Questo è per l’appunto diviso in fasi vere e proprie.

FASE 1

Questa fase è composta da 6 film che compongono l’alleanza che troveremo nel film finale the avengers.

  • Iron Man (2008)

Trama

Il miliardario Tony Stark è a capo delle Stark Industries, nota azienda americana produttrice ed esportatrice di armi. Stark si reca in una base militare statunitense in Afghanistan, per fare una dimostrazione all’esercito degli Stati Uniti d’America su un suo nuovo missile, il Jericho. Dopo l’esposizione, Stark si mette in viaggio verso l’aeroporto della base, dove avrebbe dovuto imbarcarsi sul suo jet privato per fare ritorno in America, ma durante il tragitto alcuni terroristi lo rapiscono, attaccando duramente il suo convoglio. Diverse schegge di una bomba esplosa si conficcano nel petto di Stark e, per evitare che esse raggiungano il cuore, il suo compagno di prigionia, un fisico chiamato Yinsen, gli impianta nel petto un elettromagnete, inizialmente alimentato da una batteria per auto. I terroristi che lo tengono prigioniero vogliono che Stark costruisca un missileJericho: il genio, che in un primo momento si era rifiutato, è costretto a collaborare.

I ribelli possiedono molte armi e strumenti delle Stark Industries, così Stark viene munito di tutti gli attrezzi ed i materiali necessari per la costruzione del missile. Anzitutto, Stark decide di costruire un nuovo generatore elettrico per il suo elettromagnete, creando così un piccolo Reattore Arc, un potente alternatore alimentato dal palladio e progettato dal padre, Howard Stark. Una versione molto più grande del Reattore Arc alimenta gli stabilimenti delle Stark Industries in America. Successivamente, Stark decide di utilizzare i vari strumenti a sua disposizione per assemblare una potente armatura, allo scopo di evadere dalla prigione. Stark e Yinsen lavorano al progetto per tre mesi, ma alla fine riescono a costruire l’armatura, poi chiamata Mark I. Con l’ausilio della potente corazza, Stark fa esplodere il villaggio nemico e riesce a fuggire, grazie anche a Yinsen, che si sacrifica per lui. Abbandonata l’armatura, Stark scappa nel deserto, dove alla fine viene ritrovato dal suo migliore amico, Jim “Rhodey” Rhodes.

Tony Stark torna in America, dove decide di chiudere immediatamente la divisione produzione armi delle Stark Industries. In Afghanistan, infatti, il miliardario aveva scoperto che i terroristi erano entrati in possesso di molte delle sue armi, nonostante la sua azienda producesse strumenti bellici soltanto per il governo americano. Dopo aver creato un’unità più avanzata del Reattore Arc nel proprio petto, Stark comincia a pensare a riportare l’ordine laddove le proprie armi avevano portato guerra e caos. Con l’aiuto di J.A.R.V.I.S., l’intelligenza artificiale che governa la sua villa, Stark inizia la costruzione di Mark II, un’armatura più tecnologica e potente di quella utilizzata per evadere in Afghanistan. Dopo averla provata e aver rilevato i vari problemi, Stark inizia la costruzione di una terza armatura, di colore rosso e oro, denominata Mark III, formata da unalega di oro e titanio e quindi molto resistente.

Una sera, Stark si reca ad una festa di beneficenza a lui dedicata, per dimostrare a tutti di essersi ripreso completamente dopo il suo rapimento in Afghanistan. Alla festa, dopo aver ballato con la sua segretariaPepper Potts, Stark incontra la giornalista Christine Everatt, con la quale aveva trascorso una notte insieme in precedenza. La giornalista è sospettosa verso le Stark Industries, dopo aver scoperto che la società aveva recentemente approvato una spedizione di armi in Afghanistan, che si scopre non essere stata autorizzata da Stark. Il miliardario chiede spiegazioni al socio e amico di famiglia Obadiah Stane, il quale alla fine rivela di essere stato proprio lui a presentare l’ingiunzione contro Tony Stark.

I terroristi asiatici, dopo aver ritrovato il Mark I di Tony Stark, cominciano ad attaccare le popolazioni povere dell’Afghanistan, utilizzando le armi inviate in segreto dalle Stark Industries. Venuto a sapere della guerra alla televisione, Stark indossa il nuovo Mark III e vola in Afghanistan, dove elimina alcuni terroristi e fa esplodere un deposito di armi nemico. All’improvviso, due aerei da caccia inviati da una base militare americana notano “Iron Man” e tentano di eliminarlo sparandogli, ma l’eroe evita ogni colpo grazie ai suoi speciali gadget. Ad un certo punto Iron Man colpisce involontariamente un aereo da caccia, ma riesce a salvare il pilotache, eiettatosi, non riusciva ad aprire il proprio paracadute d’emergenza. In una conferenza, Rhodey, sapendo che nell’armatura c’era l’amico Tony Stark, non rivela il segreto e racconta che l’aereo da cacciaabbattuto è stato coinvolto in un incidente durante un’esercitazione.

“I Dieci Anelli”, ossia l’organizzazione terrorista che aveva rapito Stark, ricevono una visita da Obadiah Stane, il quale si rivela essere colui che aveva inviato segretamente le armi ai ribelli e li aveva pagati per l’assassinio di Stark. Stane si impossessa dell’armatura Mark 1 e fa uccidere tutti i terroristi. Il giorno dopo, Stark incarica Pepper di recarsi nell’ufficio di Obadiah Stane e fare una copia dei file sul suo computer. La segretaria scopre il piano di Stane e riesce a scaricare i file in una chiave USB, ma all’improvviso proprio Stane entra nella stanza e solo per questione di attimi non scopre le intenzioni di Pepper. Dato che i suoiscienziati non sono in grado di riprodurre il Reattore Arc in miniatura, necessario per far funzionare il prototipo del Mark 1 a cui stava lavorando, Stane lo ruba a Tony Stark, dopo averlo momentaneamente paralizzato con un apposito strumento. Tuttavia il genio, in fin di vita per mancanza di un generatore per l’elettromagnete nel petto, riesce faticosamente a recuperare il dispositivo costruito mentre era prigioniero in Afghanistan, che la fidata segretaria Pepper Potts non aveva distrutto come le era stato ordinato.

Pepper raggiunge lo stabilimento delle Stark Industries, accompagnata da Phil Coulson e alcuni agenti dello S.H.I.E.L.D., una misteriosa agenzia segreta. Raggiunto il “Settore 16”, laboratorio segreto del nemico, gli agenti si imbattono in Obadiah Stane, dotato di una nuova e possente armatura. Stark, con il Mark III non in perfetto stato vista la scarsa alimentazione data dal debole Reattore Arc, raggiunge Stane, impedendogli all’ultimo momento di uccidere Pepper. I due ex soci ingaggiano un duro scontro per le strade della città, ma alla fine Iron Man riesce ad immobilizzare l’avversario portandosi ad una altitudine tale che l’armatura di Stane si congela. Finendo sul tetto dello stabilimento delle Stark Industries, con l’armatura ormai incapace di volare, Stark si accorge che il suo tentativo di sconfiggere Stane è risultato vano, e quindi incarica Pepper di liberare l’energia dell’enorme Reattore Arc sottostante. Il forte raggio di energia si solleva verso il cielo, rimbalzando su Stark e colpendo in pieno Stane, il quale viene ucciso. Stark si ritrova in fin di vita sul tetto della sua fabbrica, ma il piccolo Reattore Arc nel petto lo mantiene in vita.

Lo S.H.I.E.L.D. prepara una copertura per Stark, il quale in conferenza stampa avrebbe dovuto sostenere che, mentre al suo stabilimento stava combattendo una sua guardia del corpo in un’armatura speciale, egli era nel suo yatch. Tuttavia, durante la conferenza, anziché raccontare la falsa versione dei fatti, rivela di essere Iron Man, stupendo tutti i giornalisti presenti.

Scena dopo i titoli di coda

Tony Stark torna nella sua villa, dove si imbatte nel direttore dello S.H.I.E.L.D., Nick Fury. Questi rimprovera il genio per la sua rivelazione, affermando che Iron Man non è l’unico supereroe al mondo. Subito dopo, però, introduce Stark all’iniziativa “Vendicatori“.

 

  • L’incredibile Hulk (2008)

Trama

Nel flashback dell’incidente di Bruce Banner si mostra come lo scienziato tramutatosi in un mostro dopo un esperimento che lo aveva sottoposto a delle radiazioni gamma, ferisce sia la sua amata Betty Ross che il padre di lei, il generale della “United States Armed ForcesTaddheus “Thunderbolt” Ross in Everglades in Florida, per poi fuggire. Il generale Ross inizia a fare delle ricerche tentando di catturarlo per trasformarlo in un’arma dell’esercito per i loro scopi.

Banner riesce a nascondersi per cinque anni, trovando rifugio in Sud America, in una delle più note favelas della megalopoli Rio de Janeiro (Brasile). Qui lo scienziato vive nell’ombra, in compagnia di un cane, lavorando quotidianamente in una fabbrica di bibite di soda; nel frattempo tenta di controllare le sue emozioni ed il suo battito cardiaco (che superata una certa frequenza scatena la trasformazione in Hulk), seguendo anche dei corsi di ju jitsu per perfezionare il proprio autocontrollo.

Sotto lo pseudonimo di Mr. Green si mette in contatto via internet con il misterioso scienziato Mr. Blue, con il quale inizia una collaborazione a distanza per tentare di trovare una “cura” e liberarsi della sua controparte mostruosa: pertanto Banner gli invia un campione del proprio sangue. Intanto il generale Ross, scoperto dove si nasconde Banner, invia in missione un gruppo di uomini guidati da un soldato d’élite, il capitano russodei marines Emil Blonsky, per cercare di catturarlo.

Ma Banner, trasformatosi in Hulk, sconfigge facilmente i soldati grazie alla sua forza ed alla sua furia incontrollabile, per poi fuggire e nascondersi momentaneamente in Chiapas (Messico). Pertanto si rimette in viaggio verso gli Stati Uniti, in modo da tornare alla “Culver University” e recuperare alcuni file importanti da inviare a Mr. Blue, necessari per la sua cura. Si reca così da un suo vecchio amico, Stanley, per lavorare con lui nella sua pizzeria, e soprattutto per avere un posto al sicuro dove stare; qui incontra la sua amata Betty, che nel frattempo si è fidanzata con lo psichiatra Leonard Samson, e decide di nascondersi a casa della ragazza.

Il generale Ross convince Blonsky a farsi iniettare il siero del supersoldato, creato durante la seconda guerra mondiale per scopi militari, che lo renderebbe enormemente più forte. In seguito il generale ed i suoi uomini irrompono alla “Culver University”, per tentare nuovamente di catturare Banner, che si ritrasforma in Hulk. Potenziato enormemente dal siero iniettatogli, Blonsky si dimostra decisamente superiore a tutti gli altri soldati, avendo raggiunto una velocità ed una resistenza molto al di sopra dei limiti umani; pertanto il supersoldato ingaggia uno scontro diretto con Hulk, inizialmente tenendogli testa, ma la potenza del gigante verde resta comunque superiore: infatti Blonsky viene sconfitto dal mostro con un semplice calcio, venendo messo K.O. e quasi ucciso. In seguito Hulk abbatte un elicottero militare, salvando Betty dall’esplosione del velivolo stesso.

Tornato in sé, Banner si reca con Betty a New York per incontrare il misterioso Mr. Blue, alias Samuel Sterns, uno scienziato con manie di grandezza che, oltre a tentare di curare Bruce, ha replicato in grandi quantità il campione di sangue contaminato che Banner gli aveva inviato, credendo di poterlo utilizzare per curare malattie ed altri scopi benefici per la razza umana. Intanto Blonsky, nonostante le ferite mortali provocategli dal calcio di Hulk, si riprende in ospedale molto più velocemente del previsto. In lui si può notare un evidente danno a una spalla, più piccola dell’altra, tuttavia è riuscito a sopravvivere grazie al siero del supersoldato. Ross continua a potenziare Blonsky che continua a diventare sempre più forte mentre la struttura ossea del suo corpo inizia a subire dei mutamenti.

Nel frattempo Banner, Betty e Sterns tentano un esperimento che dovrebbe eliminare il fattore mutante di Bruce, pur non sapendo se esso curerà definitivamente Banner oppure inibirà momentaneamente la trasformazione in Hulk: l’esperimento apparentemente sembra riuscire. Intanto il generale Ross riesce a rintracciare Bruce e Betty, inviando Blonsky a recuperarli: quest’ultimo, invidioso del potere straordinario di Hulk, trova Sterns e lo obbliga con la forza ad iniettargli il sangue infetto di Banner: si scatena così una tremenda reazione fra il siero del supersoldato ed il sangue di Hulk, che trasforma Blonsky in Abominio, una mostruosa creatura che inizia a seminare panico e distruzione in città. Sterns, colpito dal mostro, cade a terra nel laboratorio, ferito alla testa ed infettato dal sangue di Bruce.

Mentre Banner, Betty, il generale Ross ed altri soldati stanno volando via in elicottero, essi vengono a conoscenza del caos generato da Abominio per le strade di New York. Bruce, convinto che la potenza dei militari non sia assolutamente sufficiente a fermare il mostro, crede che solo Hulk possa riuscirci: perciò decide di lanciarsi dall’elicottero, sperando che il conseguente aumento delle frequenze cardiache dovuto alla caduta libera risvegli il mostro dentro di sé. In effetti Hulk riappare, ed ingaggia un violentissimo scontro con Abominio. Nonostante il gigante verde sembri inizialmente inferiore al nemico, alla fine riesce a sconfiggerlo strangolandolo con un’enorme catena d’acciaio. Un attimo prima di uccidere Abominio, Hulk viene fermato da Betty, l’unica capace di quietare la sua furia, e decide di fuggire, consegnando un inerme Abominio nelle mani dell’esercito.

Diverse settimane dopo la fuga, Banner, nascosto a distanza di miglia dalla madrepatria, sta praticando la meditazione, cercando di gestire il controllo delle proprie emozioni: ad un certo punto Bruce apre gli occhi, le cui iridi sono divenuti verdi nonostante sia ancora in forma umana, facendo presagire che sia divenuto capace di controllare la trasformazione a proprio piacimento.

Scena dopo i titoli di coda

Il generale Ross, che si trova in un bar, viene raggiunto da Tony Stark, il quale lo mette al corrente che egli ed altri stanno organizzando una squadra: (I Vendicatori).

 

  • Iron Man 2 (2010)

Trama

Il ricco industriale Tony Stark si è appena rivelato essere “Iron Man”, e perciò si impegna affinché nel mondo non vi siano conflitti. Il genio organizza la Stark Expo, una grande esposizione globale di armi, già realizzata in precedenza dal padre, Howard Stark, nel 1974. Nonostante il successo dell’esposizione, Stark si scopre essere alle prese anche con molti problemi. Il governo insiste nel tentare di convincere il proprietario delleStark Industries a consegnare le proprie armature agli Stati Uniti d’America. Convinto che le proprie armi possano fare del bene solo nelle sue mani e che non possano esistere in nessun altro luogo nel mondo, Stark continua ad opporsi. Iron Man ha anche un gran segreto, che non condivide con nessuno: il genio sta per morire. Il suo sangue è gravemente contaminato dal palladio, elemento radioattivo necessario per far funzionare il Reattore Arc nel proprio petto. Secondo i calcoli di J.A.R.V.I.S., l’intelligenza artificiale che aiuta Stark, non vi sono elementi chimici conosciuti, ad eccezione del palladio, in grado di alimentare il Reattore Arc, che tiene in funzione il cuore del genio. Compresa la gravità della situazione, Stark nomina la segretaria Pepper Potts presidente e amministratrice delegata delle Stark Industries.

In seguito, Stark, Pepper e Nathalie Rushman, la nuova affascinante assistente di Pepper, si recano a Monaco, per assistere al Gran Premio di Formula 1 di Monte Carlo. Il trio viene ospitato in un prestigioso hoteldella zona, dove incontrano vari personaggi famosi, tra i quali Justin Hammer, proprietario delle Hummer Industries, compagnia produttrice di armi e rivale delle Stark Industries. Stark decide però di partecipare personalmente alla corsa di Formula 1, alla guida di una vettura sponsorizzata dalla sua stessa compagnia. All’improvviso, nel bel mezzo della corsa, Ivan Vanko, vestito da steward, irrompe nel circuito, iniziando a colpire le auto da corsa con delle potenti fruste elettriche, alimentate da un Reattore Arc che ha costruito lui stesso, simile a quello di Iron Man. La gara viene sospesa, mentre Tony Stark combatte contro Vanko, anche se privo della sua armatura. Improvvisamente, Happy Hogan, guardia del corpo di Stark, e Pepper Potts entrano nel circuito in macchina e consegnano il nuovo Mark V, sotto forma di valigia, ad Iron Man, che può finalmente combattere ad armi pari con il nemico. Ivan Vanko viene reso inoffensivo e viene arrestato. Colpito dal suo gesto, Justin Hammer fa evadere Vanko e gli propone di lavorare a delle armature simili a quelle di Iron Man, con l’obiettivo di superare la tecnologia Stark e convincere l’America della superiorità delle Hammer Industries.

Tony Stark fa una ricerca sulla famiglia Vanko e scopre che Ivan Vanko è figlio di Anton Vanko, scienziato che ha lavorato al Reattore Arc con Howard Stark, ma che poi è stato deportato per via delle sue ambizioni di ricchezza, scoperte proprio dal padre di Tony Stark. Intanto, la notizia dei fatti di Monaco fa il giro del mondo e in molti iniziano a pensare che Iron Man non possa essere sempre in grado di proteggere la gente dalle minacce nemiche. Di conseguenza, il governo insiste nel provare a convincere il genio a cedere le proprie attrezzature ai militari. Il sangue di Stark è sempre più tossico e, dopo la sua ennesima bravata causata dalla paura della morte, James Rhodes, il suo migliore amico che lo aveva sempre difeso in tribunale, si impossessa dell’armatura Mark II e si scontra con lo stesso Tony Stark, alla festa del suo compleanno, per poi fuggire e consegnare la corazza all’esercito. L’armatura viene fatta potenziare da Justin Hammer, in modo tale da essere pronta per l’esposizione alla Stark Expo, insieme al nuovo esercito creato da Ivan Vanko, il quale ha convinto Hammer a non puntare su armature, bensì su droni da combattimento.

Tony Stark viene contattato da Nick Fury, direttore dello S.H.I.E.L.D.. Dopo avergli rivelato che Nathalie Rushman è in realtà l’agente Natasha Romanoff sotto copertura, anche conosciuta come “Vedova Nera”, e dopo avergli affiancato l’agente Phil Coulson, Fury fornisce a Stark i vecchi appunti ed alcuni filmati del padre, Howard Stark, che si scopre essere un membro fondatore dello S.H.I.E.L.D.. Riconciliatosi con il padre, che erroneamente credeva freddo e insensibile, e grazie anche ai suoi consigli, Stark costruisce un acceleratore di particelle, con il quale riesce a sintetizzare un nuovo elemento, in grado di alimentare il Reattore Arc al posto del palladio.

All’improvviso Tony Stark riceve una chiamata da Ivan Vanko, dallo stabilimento delle Hammer Industries. Vanko avverte Stark promettendogli vendetta, che capisce le sue intenzioni e assembla subito la sua nuovaarmatura, il Mark VI. Con il nuovo elemento nel torace, che ha ripulito completamente il suo sangue, Iron Man si reca alla Stark Expo, dove Vanko, nel bel mezzo della presentazione di Justin Hammer, prende il controllo dei droni e dell’armatura di Rhodey. Natasha Romanoff e Happy Hogan raggiungono lo stabilimento delle Hammer Industries, da dove Ivan Vanko comandava i droni. L’agente Romanoff riesce a sbloccare l’armatura di Rhodey, ma Vanko è ormai fuggito. Dopo un combattimento di enormi proporzioni, Iron Man e War Machine riescono a distruggere tutti i droni di Hammer, ma devono anche affrontare lo stesso Vanko, presentatosi con un’armatura completa dotata di fruste elettriche molto potenti. Sconfitto dagli avversari, Vanko fa esplodere l’intera area della Stark Expo, ma Stark riesce a salvare all’ultimo momento Pepper, con la quale finalmente scambia un bacio.

A guerra conclusa, Nick Fury comunica a Tony Stark che al momento il supereroe è ritenuto inadeguato per l’iniziativa Vendicatori, ma che potrebbe comunque fare da consulente. Alla fine Stark e Rhodey ricevono anche una medaglia, per la loro impresa alla Stark Expo, nella battaglia contro Ivan Vanko. Justin Hammer, invece, viene arrestato.

Scena dopo i titoli di coda

L’agente Phil Coulson viene mandato in missione nel Nuovo Messico. Ad un certo punto, l’agente fa una chiamata con il cellulare e comunica che “qualcosa” è stato trovato. L’oggetto a cui si riferisce è Mjolnir, il martello di Thor, piantato nel terreno al centro di un gran cratere.

 

  • Thor (2011)

 

Trama

Gli eventi principali del film si collocano parallelamente a quelli di L’incredibile Hulk e Iron Man 2.

A differenza[5][6] dei fumetti nei quali i personaggi sono divinitá delle saghe norrene, (anche se in effetti nel N. 493[7] viene riferito che gli Asgardiani sono una razza aliena) nella trasposizione cinematografica[8], Asgardè un mondo abitato da una razza aliena[9]di esseri superiori estremamente tecnologici[10]ed illuminati, che si autoproclamano guardiani e protettori della pace dell’universo; esseri longevissimi quasi invulnerabili per i canoni umani, guerrieri dall’etica guerresca la cui elevatissima tecnologia per altre razze appare come magica e divina, in effetti sono alieni talmente tecnologicamente avanzati da essere stati adorati nel passato dai terrestri come divinità; nel 965 d.C. il re di Asgard, Odino, intervenne con i suoi guerrieri contro i Giganti di Ghiaccio, intenti a conquistare i Nove Mondi partendo da Midgard, cioè il pianeta Terra, abitato dagli umani. Dopo aver vinto la guerra tra gli Asgardiani e il mondo di Jotunheim, pianeta abitato dai Giganti di Ghiaccio, Odino costrinse alla resa e ad una tregua il loro re, Laufey, privandolo sia dello “Scrigno degli Antichi Inverni” (un dispositivo di energia negativa altamente congelante, fonte del suo immenso potere), sia di suo figlio, il neonato Loki che poi Odino adottò come figlio proprio, nella speranza di riuscire un giorno a porre fine all’ostilità tra le due razze, attraverso di lui.

Un millennio dopo, alcuni Giganti di Ghiaccio riescono ad introdursi ad Asgard superando incredibilmente la vigilanza di Heimdall, integerrimo e potentissimo guardiano del Bifrost, detto il ponte, ovvero una tecnologia di teletrasporto che da Asgard porta agli altri otto mondi; quindi tentano di recuperare lo Scrigno degli Antichi Inverni, ma vengono eliminati dal Distruttore, un robot posto a guardia di quello e di altri potenti dispositivi; la loro azione però fa interrompere la cerimonia d’incoronazione a re di Asgard di Thor, figlio di Odino che sulla terra nel passato era stato venerato come dio del tuono, guerriero armato da un potentissimo dispositivo a carica energetica elettrica, quasi indistruttibile, strumento volante teleguidato, detto il martello Mjolnir; perciò Thor, dall’animo irruente e desideroso di vendetta, si reca a Jotunheim contro la volontà del padre, coinvolgendo suo fratello Loki, Sif e i tre guerrieri, Volstagg, Fandral e Hogun. Loki e lo stesso Laufey sono propensi ad evitare lo scontro, Thor sembra farsi convincere, ma dopo una provocazione da parte del re nemico, ingaggia una lotta contro i Giganti di Ghiaccio, mettendo a repentaglio la vita dei suoi amici. Solo l’intervento diretto di Odino impedisce che lo scontro degeneri in tragedia, ma ormai la tregua tra i due popoli è stata compromessa e Laufey dichiara guerra ad Asgard.

Irritato dal comportamento immaturo e irresponsabile del figlio, Odino decide di punire Thor, e di bandirlo dal pianeta di Asgard, abbandonadolo su Midgard senza i dispositivi che gli conferiscono la potenza per cui è noto; Thor si ritrova in Nuovo Messico dove viene soccorso dagli astrofisici Jane Foster, Erik Selvig e dalla stagista Darcy Lewis, che stavano studiando strani fenomeni nel deserto. Nel frattempo il martello di Thor, il dispositivo denominato Mjolnir forgiato con un elemento sconosciuto sulla terra (una materia proveniente dal nucleo di una stella a neutroni iperdensa), viene rinvenuto in Nuovo Messico, ma in quanto programmato da Odino unicamente per Thor, non è sollevabile da alcuno; lo S.H.I.E.L.D. fa quindi costruire un centro di ricerca tutto attorno ad esso.

Venuto a sapere della presenza del martello, Thor s’introduce nella base mobile, dove ingaggia una lotta con gli agenti dello S.H.I.E.L.D. mentre l’agente Occhio di Falco lo tiene sotto tiro e prova ad estrarre il martellodal cratere dove è conficcato, ma senza successo, poiché non ritenuto ancora degno da suo padre; viene così preso e bloccato. Intanto ad Asgard, Odino sorprende Loki con lo Scrigno di Laufey. Loki gli chiede il perché possa toccarlo senza danno e Odino gli rivela la sua vera origine e il fatto che l’abbia adottato per stabilire una tregua con i Giganti. I due hanno quindi una discussione, nella quale Loki gli rinfaccia di non essere mai stato amato quanto Thor e di essere sempre stato trattato diversamente. Odino, addolorato per tutto ciò che è successo con i suoi figli ed esausto per i lunghi secoli di regno, cade nel “Sonno di Odino” (una sorta di letargo rigenerante, in cui riesce a vedere tutto ciò che accade intorno a lui ma non gli è possibile intervenire. Inoltre, essendo stato rimandato per troppo tempo, tale letargo è ora così profondo che il sovrano rischia di non risvegliarsi più).

Loki, astuto maestro dell’inganno, ormai conscio di essere figlio di Laufey, e quindi di essere stato poi adottato, ne approfitta per assumere il potere di reggente di Asgard; subito dopo si giustifica ai sostenitori di Thor di non poter sollevare il fratello dall’esilio, impostogli da loro padre per rispetto alla sua saggezza. Quindi, sceso sulla Terra (congelando il guardiano Heimdall), Loki mente a Thor, spiegando che Odino è morto, che lui è il nuovo re di Asgard e che loro madre Frigga non vuole che lui torni ad Asgard; caduto nella disperazione, Thor viene sottratto dall’interrogatorio dell’agente Phil Coulson dello S.H.I.E.L.D. da Erik Selvig, che lo fa credere essere il dottor Donald Blake (il defunto ex compagno di Jane Foster). Nel frattempo Sif e i tre guerrieri decidono di recarsi a Midgard per recuperare Thor e riportarlo ad Asgard, trasgredendo agli ordini di Loki; venuto a conoscenza del loro tradimento e di quello di Heimdall, Loki prima congela quest’ultimo con l’energia dello Scrigno, poi manda il robot Distruttore sulla Terra, riprogrammato per uccidere Thor, che nel frattempo grazie alle vicende vissute sulla Terra sembra diventato più maturo e gentile.

Dopo che il Distruttore ha sconfitto i tre guerrieri e Sif, causando caos, morte e distruzione, Thor decide di sacrificarsi per evitare di coinvolgere altri innocenti; ma ciò è esattamente quello che Odino, con la sua preveggenza, si era aspettato: un atto di estremo altruismo da parte di Thor, al posto della sua solita arroganza ed irruenza; per questo motivo il martello Mjöllnir può finalmente tornare, in volo, da Thor, donandogli nuova forza e linfa vitale; questo lo rende inoltre in grado di abbattere finalmente il Distruttore. Thor quindi ottiene da Heimdall, che nel frattempo è riuscito a liberarsi dalla morsa congelante, di ritornare ad Asgard. Prima di partire però promette a Jane che un giorno tornerà da lei e che la ama, e assicura Coulson che lui ci sarà sempre per portare aiuto a Midgard.

Loki intanto ha stretto un patto con Laufey, il re dei giganti di ghiaccio: può avere il permesso di recarsi ad Asgard e quindi di uccidere Odino durante il suo sonno magico; in realtà anche questa è una trappola ordita proprio da Loki, perché egli, sentendosi ancora una volta inadeguato e non accettato, salva il padre uccidendo Laufey davanti a Frigga, facendosi così passare per un eroe agli occhi della madre. Fatto ritorno ad Asgard, e conscio del piano del fratellastro, Thor ingaggia una lotta con Loki, il quale minaccia Jane Foster e poi inizia a distruggere l’intero Jotunheim, utilizzando il potere di Bifrost.

Pur d’impedire la distruzione del mondo dei Giganti di Ghiaccio e quindi la loro completa estinzione, Thor col martello Mjolnir decide di distruggere l’accesso al teletrasporto, detto l’arcobaleno del Bifrost, pur sapendo che così non potrà più fare ritorno da Jane, su Midgard, la Terra; durante la distruzione del ponte, i due fratelli lottano di nuovo, finché cadono nel vuoto, ma vengono salvati da Odino. Loki tenta di nuovo di spiegare le sue ragioni al padre, il quale, però, non giustifica il piano del figliastro; sentendosi tradito e di nuovo incompreso, Loki si lascia perciò cadere nel vuoto cosmico, apparentemente suicidandosi.

Ad Asgard torna la pace, ma Thor pensa con tristezza a Jane ed a suo fratello Loki, ormai scomparso; Jane tuttavia, sta ricominciando a fare delle ricerche per trovare un modo per incontrarsi di nuovo con il suo amato Thor. E Heimdall afferma che non necessariamente la Terra è diventata per sempre inaccessibile agli asgardiani, la possibilità di nuovi contatti ci sarà sempre.

Scena dopo i titoli di coda

Eric Selvig viene contattato da Nick Fury, direttore dello S.H.I.E.L.D., il quale gli mostra il Cubo Cosmico, una fonte di energia che può donare poteri illimitati. Il dottor Selvig, che in realtà risulta essere sotto l’influsso di Loki (che quindi ha simulato il suo suicidio), accetta di studiare l’oggetto.

 

  • Captain America – Il primo Vendicatore (2011)

Trama

Nel 2012 un gruppo di scienziati rinviene un enorme relitto di un vecchio velivolo fra i ghiacci del Polo Nord. Due esploratori riescono ad entrare nella carcassa e rinvengono un misterioso oggetto circolare dai motivi blu, bianchi e rossi.

Nel 1943, in Norvegia, in piena Guerra Mondiale, lo spietato Johann Schmidt, capo dell’HYDRA (una divisione scientifica segreta finanziata da Adolf Hitler), irrompe in un castello a Tønsberg. Il suo obiettivo è rubare ilTesseract, un manufatto dai poteri molto ampli creato dagli antichi dei nordici. Minacciando il guardiano del castello, Schmidt recupera il Tesseract ed inizia a bombardare la città.

Nel frattempo, a New York City, Steve Rogers, un ragazzo gracile e rachitico, tenta in tutti i modi di arruolarsi nell’esercito per aiutare l’America nella Seconda Guerra Mondiale. Nonostante i sui vari tentativi, Rogers non viene arruolato, a causa dei suoi difetti fisici. Una sera, il ragazzo si reca ad una festa con il suo migliore amico, il sergente James “Bucky” Barnes, da poco arruolato ed in procinto di partire per la Gran Bretagna. Dopo una discussione tra i due amici, Abraham Erskine, uno scienziato tedesco, colpito dalle motivazioni patriottiche di Rogers, decide di arruolare il ragazzo. Rogers viene così trasferito in una sezione speciale dell’esercito, sotto il comando del colonnello Chester Phillips e dell’agente Peggy Carter. In questo reparto dell’esercito, verrà selezionata una recluta, alla quale verrà sperimentato il siero del supersoldato. Nonostante le scarse doti fisiche del ragazzo, alla fine Erskine sceglie Rogers, per via della sua natura leale, giusta ed altruista. La notte prima dell’esperimento, lo scienziato tedesco rivela a Rogers che il siero venne precedentemente somministrato allo stesso Johann Schmidt che, sollecitato dall’idea di diventare un supereroe, aveva minacciato e fatto prigioniero Erskine. Tuttavia il siero somministrato a Schmidt, non essendo ancora stato perfezionato, ha provocato gravi danni collaterali al corpo del capo dell’HYDRA.

Intanto, nel proprio rifugio in Europa, Schmidt sfrutta i poteri del Tesseract per alimentare le innovative armi ideate da Arnim Zola, suo fedele scienziato: Schmidt ha intenzione di vincere la guerra e conquistare il mondo intero con il suo esercito segreto. Il capo dell’HYDRA localizza Erskine ed organizza un attentato per assassinarlo e rubare la nuova versione del siero del supersoldato.

Rogers e l’agente Carter si recano in un negozio di libri d’antiquariato di Brooklyn, dove si trova il laboratorio segreto di Erskine. Qui lo scienziato si è preparato all’esperimento con l’aiuto di Howard Stark, ricco inventore e produttore di armi. Il soldato Rogers viene posto all’interno di una capsula, dove gli viene iniettato il siero del supersoldato e viene sottoposto ai Vita-Rays, intensi raggi di energia. Il risultato sbalordisce i presenti: il ragazzo, al termine della dolorosa operazione, è diventato molto più alto ed i suoi muscoli sono cresciuti a dismisura. Tuttavia, Heinz Kruger, un agente infiltrato dell’HYDRA, uccide Erskine e, impossessatosi dell’ultima fiala rimasta del siero del supersoldato, riesce a fuggire. Rogers si lancia così all’inseguimento e, grazie alle sue eccezionali doti fisiche, raggiunge Kruger nella zona del porto. Kruger tenta così di fuggire con un mezzo sottomarino, ma Rogers infine lo cattura. Per non cadere nelle mani del nemico, l’agente nazista si suicida assumendo del cianuro.

L’ultima fiala del siero è rimasta distrutta nella lotta e, morto il dottor Erskine, non si può replicare. Rogers è quindi l’unico supersoldato al mondo, troppo prezioso per essere esposto in guerra e comunque non sufficiente per sconfiggere l’HYDRA. Diventato un fenomeno popolare dopo il rocambolesco inseguimento per la città, al giovane, promosso al rango di capitano, viene offerta la possibilità di partecipare a vari spettacoli ed esibizioni, durante le quali egli indossa uno sgargiante costume a stelle e strisce ed è soprannominato Captain America, a simboleggiare i grandi valori patriottici nazionali. Nei panni di questo personaggio, Rogers è protagonista anche di film e di fumetti, le cui vendite sono atte a sostenere unicamente la produzione di armi belliche per l’esercito americano.

Nel novembre del 1943, mentre si trova in Italia in una tournée per incoraggiare le truppe combattenti, comunque senza successo, Rogers viene a sapere che un’intera divisione dell’esercito americano è stata annientata e fatta prigioniera dall’HYDRA. Tra i soldati catturati da Johann Schmidt vi è anche Bucky, il suo migliore amico. Poiché il colonnello Phillips ritiene sconveniente una missione di recupero dei prigionieri, Rogers decide di recarsi al salvataggio dell’amico, aiutato da Peggy e Stark. Dopo aver sorvolato in aereo le difese nemiche, Rogers, con la divisa di Captain America, si paracaduta da solo e riesce a penetrare nella base HYDRA dove si trova l’amico. Qui Captain America libera in gran segreto Bucky e gli altri soldati della divisione, i quali mettono a soqquadro la base nazista con l’ausilio di grossi carri armati e di terribili armi alimentate dal Tesseract sottratte ai tedeschi. Mentre nella base regna il caos, Rogers e Bucky hanno un incontro diretto con Schmidt, il quale si rivela essere Teschio Rosso, così chiamato per il terribile volto che nascondeva dietro una maschera. Il suo aspetto originale è stato alterato dopo che il capo dell’HYDRA si è somministrato il siero del supersoldato non pronto del dottor Erskine. Teschio Rosso ed il dottor Zola fuggono con il Tesseract ed i soldati americani radono al suolo la base nazista. Una volta tornato all’accampamento americano, Rogers viene premiato dal colonnello Phillips per il coraggio dimostrato permettendogli di continuare a combattere. Con un nuovo costume da guerra ed uno scudo speciale fatto di vibranio, metallo indistruttibile fornitogli da Howard Stark, Captain America, continua a combattere l’HYDRA, affiancato da un esercito di fedelissimi e valorosi combattenti, distruggendo una ad una tutte le basi dell’organizzazione nemica.

Tra le montagne innevate, durante un assalto ad un treno blindato dell’HYDRA, Captain America e Bucky riescono a catturare il dottor Zola, ma Bucky perde tragicamente la vita cadendo in un precipizio dopo uno scontro con un soldato nemico. Grazie alle informazioni che Phillips riesce ad estorcere a Zola, viene localizzata l’ultima base segreta dell’HYDRA. Il quartier generale di Teschio Rosso si trova nelle Alpi e viene attaccato dagli americani con tutte le forze disponibili. Teschio Rosso, notando l’inferiorità delle sue forze armate, riesce a salire a bordo di un’Ala volante, ma viene raggiunto da Captain America, con l’aiuto del colonnello Phillips e di Peggy. Teschio Rosso intende bombardare le più importanti città americane con armi terribili, ma il capitano raggiunge la sala di pilotaggio e combatte duramente con il capo dell’HYDRA. Alla fine, viene danneggiato il contenitore del Tesseract, che viene afferrato da Teschio Rosso. Il capo dell’HYDRA viene risucchiato da una forza estranea e scompare misteriosamente nel nulla. Il potente manufatto cade sul pavimento e, diventato incandescente, fonde lo scafo, precipitando nel vuoto. Rimasto solo nella cabina di pilotaggio, Captain America si accorge che i comandi sono bloccati verso l’obiettivo fatale, New York. Compresa la gravità della situazione, Rogers decide di sacrificarsi per distruggere l’Ala volante, onde evitare migliaia di vittime tra i cittadini statunitensi. Scambiate le ultime parole con l’amata Peggy via radio, il capitano dirotta verso terra il velivolo, che si schianta nell’Artico. Dopo lunghe ricerche, Stark riesce a recuperare il Tesseract, finito in fondo all’oceano ma, malgrado i suoi sforzi, non trova traccia di Captain America o dell’aereo.

Rogers resta ibernato nel ghiaccio per quasi settant’anni, fino al suo fortuito ritrovamento. Risvegliatosi in un ospedale della New York odierna, il capitano fugge per strada, ma viene raggiunto da Nick Fury, che gli spiega gli ultimi avvenimenti e gli propone di diventare un difensore della Terra.

Scena dopo i titoli di coda

Rogers è intento ad allenarsi in una palestra, quando viene raggiunto da Fury. Il direttore dello S.H.I.E.L.D. gli propone una missione per salvare il mondo da una nuova minaccia.

 

  • The Avengers (2012)

Trama

Il Tesseract è un Cubo Cosmico di origine asgardiana, uno dei gioielli di Odino, e un “Antico dell’universo” e il suo portavoce incappucciato The Other intendono appropriarsene. Loki, che intende conquistare la Terra e sottomettere il genere umano, stringe un accordo con i due alieni.

Il colonnello Nick Fury, direttore dello S.H.I.E.L.D. (Strategic Homeland Intervention, Enforcement & Logistic Division), raggiunge un complesso dove sono situati alcuni laboratori sperimentali. Qui il dottor Erik Selvigsta effettuando dei test sul Tesseract, recuperato da Howard Stark negli anni cinquanta nell’Oceano Atlantico settentrionale insieme a Capitan America. Improvvisamente il Tesseract, che già aveva manifestato delle anomalie, apre un varco dimensionale nella stanza ed appare Loki, che impugna uno strano scettro. Alla richiesta di Nick Fury di deporre l’arma, Loki uccide da solo gran parte degli agenti presenti e compie un incantesimo sul dr. Selvig e su Occhio di Falco (l’agente Clint Barton). Poi il dio fugge impadronendosi del Tesseract: a nulla valgono i tentativi del colonnello Fury e dell’agente Maria Hill di recuperare il cubo cosmico. Essendo un allarme di livello 7, Nick Fury mette in atto le contromosse ed invia gli agenti Coulson e Romanoff a localizzare un gruppo di persone già note alle cartelle dello S.H.I.E.L.D., con l’intento di creare una squadra d’azione speciale. Il progetto è chiamato Vendicatori.

Steve Rogers (Capitan America), Bruce Banner (Hulk) e Tony Stark (Iron Man) si incontrano sull’Helicarrier, un enorme portaerei dotata di una tecnologia sofisticata in grado di alzarla in volo dall’oceano e di mimetizzarla rendendola invisibile (è questo, l’Helicarrier, il quartier generale dello S.H.I.E.L.D.). Intanto Loki manifesta le sue intenzioni: vuole iniziare una guerra, con l’esercito dei Chitauri a suo seguito, mentre deve inoltre recuperare il Tesseract per colui che gli ha fornito l’esercito e le armi, altrimenti quest’ultimo sperimenterà una nuova forma di dolore sull’asgardiano. Per comunicare sulla Terra, questo misterioso individuo usa The Other come portavoce, che si mette in contatto con Loki tramite lo scettro.

Il dio viene in poco tempo individuato dallo S.H.I.E.L.D. a Stoccarda e, dopo un breve scontro con Iron Man e Capitan America, riescono a catturarlo. Tuttavia durante il ritorno alla base, Thor giunge sul Quinjet dello S.H.I.E.L.D. dove stanno volando i supereroi e requisisce con la forza Loki. Thor intende portarlo con sé e sottoporlo al giudizio di Asgard ma Iron Man, deciso a recuperare il prigioniero, interrompe bruscamente il dibattito tra le due divinità. Lo scontro fra i due sembra ben lontano dalla conclusione, in quanto Thor è più forte, ma i suoi fulmini non fanno altro che potenziare l’armatura di Tony Stark. L’intervento di Capitan America riesce a placare gli animi e a convincere Thor a collaborare con lo S.H.I.E.L.D..

Tornati sull’Helicarrrier, si manifestano litigi ed incomprensioni e sorgono le prime perplessità sulla coesione del gruppo. La presenza di Hulk rende inoltre tutti un po’ irrequieti, ma il dottor Banner sembra aver sviluppato un notevole autocontrollo sulla rabbia che in lui scatena la trasformazione nel mostro. Vi è anche un clima di diffidenza verso le reali intenzioni dello S.H.I.E.L.D.: vengono scoperti eroi prototipi e progetti di armi di distruzione di massa. Nick Fury rivela al gruppo che da quando è stata scoperta l’esistenza di altri mondi, dalla prima venuta di Thor, lo S.H.I.E.L.D. ha iniziato ad utilizzare il Tesseract per attuare un serio e pesante potenziamento militare, allo scopo di farsi trovare pronti ed evoluti in un possibile scontro con civiltà sconosciute. Durante questo momento di distrazione, Clint Barton ed altri agenti che hanno subito l’incantesimo di Loki assaltano l’Helicarrier per liberare il dio dalla sua prigione.

Nella confusione in seguito ad un’esplosione, Bruce Banner inizia a perdere il suo autocontrollo. A nulla valgono i tentativi di Natasha Romanoff di placare il dottor Banner che, dunque, si trasforma in Hulk e con una rabbia incontrollabile si scaglia contro la Vedova Nera. Solo l’intervento di Thor salva la donna. Dopo un’equa colluttazione tra i due, Hulk precipita dalla base volante mentre tentava di distruggere uncacciabombardiere che lo aveva attaccato. Iron Man e Capitan America tentano insieme di far ripartire i motori dell’Helicarrer, distrutti dai soldati di Loki ma nel frattempo il dio, liberato dai suoi uomini, espelle dalla nave Thor, uccide l’Agente S.H.I.E.L.D. Coulson e fugge nuovamente. Intanto, a causa di una forte botta in testa da parte di Natasha, l’agente Clint Barton rinviene dall’incantesimo di Loki. La morte dell’agente Coulson, amico di Tony Stark e di Thor e grande ammiratore di Capitan America, crea coesione tra gli eroi e dà loro una giusta motivazione per combattere insieme il nemico comune.

Stark capisce che il piano di Loki prevedeva farsi arrestare e scatenare Hulk. Intuisce inoltre che l’asgardiano vuole portare a termine il suo piano di guerra in modo plateale, così che tutti lo possano ammirare. Il punto scelto per installare il Tessaract ed aprire un ponte spaziale non può che essere che il più alto della città di New York, ovvero la Stark Tower. Giunto sul posto, Iron Man incontra Loki e il dr. Selvig sul tetto della Stark Tower. Qui si libera dell’armatura danneggiata e colloquia amichevolmente con Loki per distrarlo mentre indossa un paio di bracciali che comandano a distanza la nuova armatura di Iron Man, denominata “Mark 7”. Loki punta sul petto di Stark lo scettro per praticare un incantesimo ma, fallendo nel tentativo, scaglia il miliardario giù dalla torre. Ma la nuova armatura “Mark 7” viene chiamata da Tony, che viene raggiunto e rivestito dell’armatura in volo. Intanto il portale spaziale generato dal Tesseract si apre in cielo ed escono i Chitauri, che assalgono New York City. Iron Man ne uccide il possibile, tuttavia un solo supereroe non basta. In città arrivano uno ad uno tutti i supereroi del progetto Vendicatori, compreso Banner, che rivela di riuscire a controllare la sua trasformazione e a riconoscere gli eroi alleati e non.

Thor raggiunge Loki e prova a farlo ragionare ma questi, esitante, ferisce il fratellastro e fugge. Benché i Vendicatori stiano avendo la meglio sugli invasori Chitauri, finché il portale spaziale rimarrà aperto i rinforzi alieni continuano ad affluire. Hulk raggiunge Loki e, nonostante gli altezzosi proclami dell’asgardiano, lo sconfigge con irrisoria facilità. Il dottor Selvig, intanto, si è ripreso dall’incantesimo di Loki e lavora alla chiusura del portale con Natasha Romanoff. Ma nel frattempo, il governo ha deciso di inviare un missile nucleare sull’isola di Manhattan per distruggere i nemici insieme alla popolazione residente: Iron Man, in un atto di estremo sacrificio, usa tutte le forze per deviare il missile verso il portale e lo attraversa, colpendo la nave madre dei Chitauri. Stark si trova nello spazio e sviene non riuscendo a respirare, ma fortunatamente spinto dall’onda d’urto dell’esplosione, oltrepassa nuovamente il portale prima che si chiuda definitivamente, tornando così sulla Terra. Nel precipitare, viene salvato da Hulk. Intanto tutti i Chitauri sulla Terra muoiono in seguito all’esplosione della nave madre.

Cessata la minaccia, Thor torna ad Asgard con il Tesseract e Loki prigioniero, mentre gli altri Vendicatori riprendono le rispettive strade. In caso di nuova minaccia il gruppo tornerà unito, dato che la gente sa che gli eroi non sono un pericolo, ma validi difensori del mondo, al contrario di quello che il governo sostiene.

Scene durante e dopo i titoli di coda

Nella scena durante i titoli di coda, The Other comunica all’Antico dell’Universo la disfatta dell’esercito, aggiungendo che attaccare la Terra equivarrebbe ad andare incontro alla morte. Il suo interlocutore, Thanos, sorride diabolicamente.

Nella scena dopo i titoli di coda, non visibili in tutte le versioni distribuite, si vedono i Vendicatori mangiare lo shawarma di cui aveva parlato Tony dopo essere stato salvato da Hulk. Durante la sequenza gli eroi non parlano e sullo sfondo gli impiegati del negozio puliscono i detriti causati dalla distruzione[8].

 

FASE 2

fase2

 

Questa seconda fase è composta da altri 6 film che si concluderanno nel 2015 con Ant Man.

  • Iron Man 3 (2013)

Trama

Sono passati circa sei mesi dall’attacco di Loki e dei Chitauri a New York. Ora che i Vendicatori hanno ripreso le rispettive strade, Tony Stark continua a costruire le sue armature, che sono diventate ben 42 e tutte dotate di un sistema di localizzazione che risponde a dei ricettori impiantati nel corpo del genio. Tutto questo lavoro lo ha molto affaticato, ma Stark soffre di insonnia e comincia a subire violenti attacchi di panico, legati alla dura lotta a New York contro i Chitauri. Intanto gli Stati Uniti sono scossi da continui messaggi televisivi di una misteriosa setta terroristica, responsabile di attentati, bombardamenti ed esplosioni in Asia e in America. A capo di questa organizzazione c’è il Mandarino, un personaggio misterioso che continua a minacciare il Presidente degli Stati Uniti. Questi, per tranquillizzare la popolazione, assicura che a difenderli sarà il colonnello James Rhodes, pilota della nuova versione di War Machine, ridipinta in rosso, bianco e blu e ribattezzata “Iron Patriot”.Il 31 dicembre 1999 il miliardario Tony Stark e la sua fidanzata di allora, la scienziata Maya Hansen, partecipano ad una conferenza a Berna, in Svizzera, in occasione della festa di Capodanno. Durante la festa la coppia viene avvicinata da un certo Aldrich Killian, un individuo zoppicante e malconcio che propone a Stark di lavorare insieme alla neo-fondata “A.I.M.” (Advanced Idea Mechanics). Inizialmente Stark fa credere a Killian di essere affascinato dall’idea e lo invita a incontrarsi con lui sul tetto del palazzo, ma poi non si presenta all’appuntamento, recandosi a casa della fidanzata a vedere il suo nuovo progetto, chiamato Extremis.

Un giorno Pepper Potts viene raggiunta da Aldrich Killian, non più zoppicante e decisamente più in forma di come appariva anni prima. Killian le ripropone di lavorare al progetto Extremis, basato sulla manipolazione di cellule cerebrali: lo scienziato ottiene però un altro rifiuto, a causa delle possibili implicazioni militari. Il primo ad insospettirsi riguardo Killian è Happy Hogan, ex-guardia del corpo di Tony ed ora a capo della sicurezza delle Stark Industries, che decide di seguire Eric Savin, l’assistente di Killian. Il pedinamento lo porta al prestigioso Grauman’s Chinese Theatre di Hollywood, dove Happy ingaggia un corpo a corpo con Savin. Happy sembra all’inizio in vantaggio, ma Savin comincia ad emettere un bagliore rosso che gli ripara in fretta le ferite e lo rende forte ed ustionante. L’uomo sconfigge Happy, mentre Jack Taggert, che Savin aveva incontrato precedentemente, incomincia a stare male, diventando sempre più incandescente per poi esplodere. La forte esplosione uccide tutte le persone nelle vicinanze e distrugge il luogo. Happy viene ferito gravemente e finisce in coma all’ospedale.

Tony, durante un’intervista, decisamente arrabbiato per lo stato di Happy sfida apertamente il Mandarino, che ha rivendicato l’attentato. Più tardi, mentre sta indagando sulle esplosioni causate dal Mandarino, il miliardario scopre che la prima è avvenuta in Tennessee, anche se mai rivendicata dal terrorista. Dopo viene raggiunto nella sua villa di Malibù da Pepper e dalla stessa Maya Hansen, preoccupata per Tony. Il trio sta discutendo se lasciare o meno la villa quando alcuni elicotteri arrivano ed iniziano a bombardare il luogo. Tony, Pepper e Maya riescono a salvarsi grazie all’armatura Mark 42, in grado di deassemblarsi e di trasferirsi velocemente da un corpo ad un altro, ma la villa viene distrutta e Tony, in stato confusionale, viene portato via dall’armatura comandata da J.A.R.V.I.S. e dato per morto da tutti.

Diverse ore dopo, a causa di un calo energetico dell’armatura ancora in fase di sperimentazione, Tony precipita in un bosco innevato del Tennessee, destinazione impostata quando Tony indagava sul Mandarino. Solo e senza la possibilità di usare Mark 42, Tony, dopo aver avvisato Pepper, trascina l’armatura in un capanno per ripararla. Qui incontra Harley, un ragazzino abbandonato dal padre che si offre di aiutarlo, pur risultando a volte invadente con le sue domande sui Vendicatori e su New York, provocando attacchi di panico in Tony. Questi comincia ad indagare su un incidente avvenuto nel Tennessee sei anni prima ma molto simile a quello del Chinese Theatre. Harley gli racconta di un soldato, Chad Davis, tornato dall’Iraq e che, secondo i più, sarebbe impazzito e si sarebbe suicidato facendosi esplodere. Tony non ne è però convinto e cerca di farsi raccontare i fatti dalla madre depressa e alcolizzata del soldato. Il colloquio con la donna viene però interrotto da Savin e da Ellen Brandt, una donna sfigurata al servizio di Killian, entrambi capaci di diventare incandescenti ed incredibilmente resistenti. Tony riesce ad uccidere Brandt e Savin viene messo fuori gioco grazie alla collaborazione tra Tony ed Harley. Successivamente Stark recupera i documenti della madre di Chad Davis, grazie ai quali comprende il coinvolgimento dell’A.I.M. di Chad. Poi Tony affida ad Harley la custodia dell’armatura Mark 42, prende l’auto di Savin e scappa verso Miami ove, secondo un riattivato J.A.R.V.I.S., si troverebbe la villa del Mandarino.

Nel frattempo Pepper viene rapita da Killian in persona, di cui Maya si scopre essere collaboratrice. Mentre Tony è in viaggio verso Miami, Rhodes sta perlustrando senza alcun risultato il Medio Oriente alla ricerca del Mandarino, ma durante un’incursione in un laboratorio tessile una delle tessitrici, diventando incandescente, cattura il colonnello e lo porta a Miami insieme alla sua armatura. Giunto a Miami, Tony, grazie ad un armamentario casereccio ed improvvisato, si fa strada tra la sicurezza della villa del Mandarino. Qui scopre che il Mandarino che si è visto più volte in televisione non è altro che un attore fallito di nome Trevor Slattery, assunto da Killian per avere un capro espiatorio. Tuttavia, durante la conversazione con Trevor, Tony sviene, colpito da Savin che è giunto da poco sul posto. Più tardi Tony si sveglia legato ad un letto posto in verticale di fronte a Killian, che gli racconta tutto: il progetto Extremis era nato con l’intento di modificare le cellule cerebrali per creare nuovi vaccini e potenziare il corpo umano ma, a causa del rifiuto del finanziamento di Stark, la A.I.M. non aveva potuto approfondire gli studi e le nuove sostanze create, una volta iniettate nel corpo di alcuni disabili a cui restituiva gli arti perduti e donava capacità incredibili, a volte diventava instabile e faceva esplodere il corpo dall’interno. Killian riesce però a controllare le esplosioni grazie a delle iniezioni e, per sfruttare al meglio la sua invenzione, aveva ordito un gigantesco complotto creando la figura del Mandarino e della sua setta per rivendicare le esplosioni dei corpi. Il suo ultimo obbiettivo si rivela il Presidente degli Stati Uniti in persona. Inoltre Killian rivela di aver somministrato lo stesso siero anche a Pepper, che intanto soffre tra atroci dolori mentre il suo corpo decide se accettare o meno la sostanza, con il rischio che la donna possa non sopravvivere. Nel frattempo Killian uccide Maya, che vorrebbe liberare Tony, per poi lasciare la villa con Pepper. Tuttavia l’armatura Mark 42, riparata da Harley, localizza il proprietario e Tony riesce dunque a liberarsi fuggendo insieme a Rhodes, al quale è stata sottratta l’armatura “Iron Patriot”.

Savin, grazie all’armatura di Rhodes, dirotta l’Air Force One e rapisce, mettendolo nella sua armatura, il Presidente degli Stati Uniti. Tuttavia Tony arriva appena in tempo per uccidere un ormai disarmato Savin e per salvare gli altri passeggeri sull’Air Force One. Ora il piano di Killian è quasi completo: l’ultimo atto consiste nell’uccidere il Presidente, imprigionato nell’armatura “Iron Patriot”, che sta per essere bruciata in una cisterna di petrolio di un cantiere navale. Iron Man e Rhodes, grazie a Trevor, riescono a scoprire la posizione del cantiere e giungono sul posto. Mentre Rhodes riesce a salvare il Presidente, Tony, grazie alle innumerevoli armature costruite da lui nell’ultimo anno e nascoste nella sua villa, elimina tutti gli uomini di Killian. Resta ormai solo lo stesso Killian, che intanto tiene in ostaggio Pepper: Tony lo attacca ma sfortunatamente, durante lo scontro, Pepper cade tra le fiamme del cantiere navale. Sconvolto dal dolore e dalla rabbia, Iron Man affronta Killian, il quale si è proclamato come il vero ed unico Mandarino e che sembra indistruttibile. Non avendo altre vie di uscita, Tony ordina all’armatura Mark 42 di attaccarsi a Killian e di autodistruggersi. Tuttavia nemmeno questo sembra fermare Aldrich che, sopravvissuto, sta per dare il colpo di grazia a Tony. Improvvisamente però, Killian viene attaccato ed ucciso definitivamente da Pepper, il cui corpo ha accettato Extremis ed ha quindi salvato la donna. Questo le fornisce forza ed agilità, tanto da distruggere una delle armature di Tony, tutte programmate per eliminare i portatori di Extremis tra i quali Pepper. Mai Tony e Pepper avranno un momento di tranquillità, poiché lui è Tony Stark. Tuttavia questi ordina a J.A.R.V.I.S. di far esplodere tutte le armature come regalo di Natale per la sua amata.

Nel periodo successivo Tony riesce a curare Pepper dagli effetti di Extremis e decide di farsi operare a sua volta per rimuovere i frammenti di schegge presenti nel suo petto, in modo tale da non dipendere più dal mini reattore Arc. Nell’ultima scena, Harley trova il suo capanno addobbato per Natale e pieno zeppo dei regali inviati da Tony Stark, mentre quest’ultimo, arrivato alle rovine della sua villa, butta in mare ciò che resta del reattore Arc. L’uomo afferma che la sua armatura non è mai stata una distrazione né un hobby, bensì si è trattata di un “bozzolo”, che gli ha permesso di cambiare e di diventare un uomo migliore. Dopo aver lanciato in mare il reattore Arc, Stark torna in auto, alla quale ha attaccato un carrello con alcuni congegni da lavoro che usava nella sua villa, affermando che, pur togliendogli la casa o tutti i suoi “giocattoli”, egli sarà sempreIron Man.

Scena dopo i titoli di coda

Tony Stark sta raccontando gli ultimi eventi all’amico Bruce Banner, che nel frattempo si è addormentato. Bruce, svegliato dalle lamentele di Stark, ribadisce di non essere uno psicanalista, ma un altro tipo di dottore. Nonostante questo Tony rimane indifferente e riprende imperterrito a raccontare, mentre Banner alza gli occhi al cielo, sbuffando con rassegnazione.

 

  • Thor: The Dark World (2013)

 

Trama

Molte migliaia di anni fa, Bor, padre di Odino, sconfisse in una sanguinosa battaglia gli Elfi Oscuri (a Svartalfaheimr , il regno degli elfi oscuri), una razza guidata dal terribile Malekith, che voleva impossessarsi dell’Aether, un materiale fluido dotato di un enorme potere che, sfruttando un rarissimo allineamento di pianeti chiamato “Convergenza”, avrebbe potuto riportare l’universo nella sua oscurità originaria. L’asgardiano, ritenendo impossibile distruggere tale materiale, decise di rinchiuderlo e nasconderlo nel cosiddetto ‘Mondo Oscuro’, (al quale nessuno avrebbe potuto accedere per ritrovarlo), mentre Malekith e il suo fido aiutante Algrim fuggono dal campo di battaglia, giurando vendetta.

Nel presente, ad Asgard è stato ricostruito il Bifröst, mentre Thor e i suoi compagni sono impegnati a riportare la pace nei nove regni, saccheggiati e devastati dai Marauders: completata la missione a Vanaheimr (il regno degli elfi della fertilità) e sconfitti gran parte dei Marauders, Thor, Lady Syf e i Tre guerrieri ritornano ad Asgard, dove Odino consiglia al figlio di dimenticare Jane Foster (data la sua mortalità) e di andare avanti, essendo ormai pronto a sostituirlo come re.

Sulla Terra anche Jane, trasferitasi a Londra, sta cercando di dimenticare Thor, frequentando un uomo di nome Richard. Tuttavia, una scoperta sensazionale glielo impedisce: in un edificio di Londra lei, Darcy Lewis e il nuovo stagista Ian scoprono un punto in cui la gravità sembra interrompersi e le cose sparire nel nulla. Jane viene risucchiata da questo strano fenomeno, ritrovandosi nel mondo oscuro. In quest’occasione, Jane trova l’Aether, che si impossessa di lei al minimo contatto fisico facendola svenire.

Dopo essersi risvegliata nuovamente sulla Terra (trasportata inconsciamente dal passaggio dimensionale), Jane incontra Thor, giunto lì in quanto Heimdall, il guardiano del Bifrost capace di vedere in ogni angolo dell’universo, gli aveva detto che era sparita. Il guerriero scopre quindi che l’Aether è entrato in lei e decide di portarla su Asgard, in modo che la superiore scienza del suo mondo la curi. Odino, tuttavia, riconosce che la ragazza è condannata, mentre Frigga, la madre di Thor, stringe un buon rapporto con lei.

Essendosi riattivato l’Aether, si risvegliano anche Malekith e gli Elfi Oscuri, i quali decidono di portare a termine la loro vendetta, recuperando l’Aether: Algrim, dopo essersi mascherato, riesce a farsi imprigionare all’interno del palazzo reale di Asgard insieme ad alcuni Marauders catturati dai Tre guerrieri, ma una volta condotto in cella sfrutta l’arma segreta degli Elfi Oscuri. Egli si trasforma in un “Dannato” (Kurse), acquistando una forza brutale. In seguito riesce ad evadere e liberare tutti i Marauders rinchiusi, scatenando il panico. Loki, imprigionato anch’egli dopo gli eventi di New York, non viene liberato, ma osserva con attenzione la situazione, poi sedata da Thor, e dà anche delle indicazioni all’invasore per raggiungere la sala del trono.

Improvvisamente la nave madre degli Elfi Oscuri riesce a penetrare ad Asgard, seminando distruzione. Nonostante gli sforzi di Heimdall, Malekith giunge sino alla sala del trono di Odino, per estrarre l’Aether dal corpo di Jane. Dopo essere stato sfidato da Frigga, Malekith la uccide sotto gli occhi di Thor e Jane, appena sopraggiunti sul luogo. Thor, accecato dall’ira, tenta di uccidere Malekith, sfigurandolo in volto. Pertanto, l’Elfo Oscuro decide di ritirarsi. Dopo il funerale di Frigga, Odino (colmo di dolore) decide di prendere misure drastiche, chiudendo il Bifröst. Sapendo che è solo questione di tempo prima che Malekith attacchi di nuovo Asgard, Thor convince i suoi compagni ad aiutarlo a evadere clandestinamente da Asgard, compiendo un atto di alto tradimento.

Thor e Jane, insieme a Loki (liberato da Thor in cambio della vendetta per Frigga, cui entrambi tenevano moltissimo), riescono ad uscire da Asgard grazie alla complicità dei Tre guerrieri e di Heimdall. Per mezzo di alcune vie segrete note solo a Loki, i tre riescono a giungere nello Svartalfaheimr (il regno degli elfi oscuri). Avvistato Malekith, Loki tradisce Thor, tagliandogli la mano, e consegna Jane al sovrano degli elfi oscuri, il quale estrae l’Aether dal corpo della ragazza. Tuttavia, questo era tutto uno stratagemma ideato da Thor per far sì che Malekith estraesse l’Aether dal corpo di Jane. Rialzatosi, il Dio del Tuono si scaglia contro gli Elfi Oscuri, ma viene aggredito e quasi sconfitto da Kurse. Improvvisamente Loki accorre in aiuto del fratello, ma, nonostante riesca a distruggere Kurse, viene ferito mortalmente da quest’ultimo. Malekith ne approfitta per fuggire sulla Terra, in quanto la Convergenza (la causa dei vari collegamenti tra mondi) sta per ripresentarsi. Dopo essersi riappacificato con Thor, Loki muore.

Thor e Jane, bloccati a Svartalfaheimr, riescono a tornare sulla Terra grazie ad un passaggio dimensionale scoperto dalla scienziata (che univa un edificio di Londra proprio con quel mondo). Nel frattempo, Darcy e Ian liberano da un manicomio il dottor Erik Selvig, rinchiuso dopo aver perso la testa (in seguito al lavaggio mentale subito da Loki ai tempi di New York) ed aver corso nudo per Stonehenge, in quanto aveva intuito il luogo esatto in cui sarebbe avvenuta la Convergenza: Greenwich. Giunto a Greenwich, Thor ingaggia una lotta furente contro Malekith (che aveva assimilato completamente l’Aether), spostandosi attraverso i Nove Regni a causa della Convergenza. Mentre Jane, Selvig, Ian e Darcy tentano di respingere i pochi Elfi Oscuri rimasti, Thor riesce a sconfiggere Malekith e a legarlo alla sua nave. Pertanto, Selvig utilizza un congegno di sua invenzione per sfruttare la Convergenza e teletrasportare la nave a Svartalfaheimr. Il piano riesce e Malekith viene schiacciato e ucciso dall’impatto della sua nave al suolo.

Ritornato su Asgard per scusarsi, Thor elogia l’eroismo di Loki e rifiuta il trono, con grande sorpresa di Odino, in modo da continuare a combattere per proteggere i nove regni (cosa che da re non avrebbe potuto fare liberamente). Odino permette tale scelta e Thor, dopo averlo ringraziato, se ne va: non appena uscito, tuttavia, Odino si trasforma rivelandosi Loki, il quale, sopravvissuto, ha preso il posto del re di Asgard all’insaputa di tutti. Il Dio dell’Inganno, sorridendo, risponde “No, grazie a te!”.

Scene durante e dopo i titoli di coda

Sif e Volstagg consegnano al Collezionista l’Aether, affermando che non è saggio conservarlo ad Asgard assieme al Tesseract: entrambe infatti sono delle Gemme dell’Infinito. Appena andati via i due guerrieri, il Collezionista, soddisfatto, rivela che gli mancano solo cinque gemme. Nella scena si può notare quello che pare il bozzolo di Adam Warlock.

Dopo i titoli di coda Thor ritorna a Londra per stare con Jane, mentre la creatura gigante di Jotunheimr simile ad un mastino (che Thor aveva sconfitto nel film precedente poco prima del suo esilio e che in questo segue Thor e Malekith mentre saltano da un portale all’altro) è ancora in città e insegue dei piccioni.

 

  • Captain America: The Winter Soldier (2014)

 

Trama

Due anni dopo la battaglia contro Loki a New York, Steve Rogers vive a Washington, dove continua a lavorare per lo S.H.I.E.L.D. e cerca di adattarsi alla società moderna. Dopo aver incontrato il veterano di guerraSamuel Wilson durante una corsa mattutina, Rogers viene chiamato al salvataggio di una nave mercantile dello S.H.I.E.L.D., la Lemurian Star, dirottata da alcuni pirati algerini guidati da Georges Batroc. Salvati gli ostaggi a bordo della nave, Captain America affronta e sconfigge Batroc, ma dopo lo scontro Rogers si imbatte in Natasha Romanoff, che intanto stava recuperando dei file dal computer della nave. Rogers comincia ad avere dei dubbi su quanto ci si possa effettivamente fidare dello S.H.I.E.L.D.. Al quartier generale della fondazione, il Triskelion, Nick Fury mostra a Rogers il progetto “Insight”, che riguarda tre Helicarrier di ultima generazione, dotati di nuovissimi propulsori e di potenti armi da fuoco. Gli Helicarrier sono collegati a satelliti spia e sono stati progettati per prevenire qualsiasi tipo di minaccia. Captain America non è però convinto del progetto, preoccupato del fatto che gli Helicarrier possano essere utilizzati anche per scopi diversi e convinto che possano rappresentare un pericolo per la Terra. Fury si rende conto del pericolo e si reca quindi dall’amico Alexander Pierce, segretario generale dello S.H.I.E.L.D., al quale chiede la sospensione del progetto “Insight”. Nel frattempo, Rogers si reca in una casa di riposo, dove fa visita a Peggy Carter, ormai anziana e affetta da Alzheimer.

Non riuscendo ad accedere alle informazioni recuperate da Natasha Romanoff sulla Lemurian Star, Fury va a incontrarsi con Maria Hill, ma viene attaccato da alcuni uomini travestiti da agenti di polizia. Dopo una rocambolesca fuga per la città, un misterioso individuo mascherato fa saltare in aria il SUV blindato di Fury, il quale riesce a fuggire e a nascondersi a casa di Rogers. Qui, la sera, qualcuno spara al direttore dello S.H.I.E.L.D. che, in fin di vita, consegna a Captain America la chiave USB con i dati acquisiti a bordo della Lemurian Star e intima a Rogers di non fidarsi di nessuno. Captain America si getta quindi all’inseguimento dell’assassino, che si rivela essere molto veloce e scaltro, riuscendo a scappare, mentre la vicina di casa di Rogers si scopre essere l’Agente 13 dello S.H.I.E.L.D., Sharon Carter che aveva il compito di proteggere Steve. Nick Fury viene dichiarato morto la sera in ospedale.

Il giorno seguente Captain America viene convocato al Triskelion da Alexander Pierce. Quando Rogers si rifiuta di rivelare a Pierce delle informazioni sulla morte di Fury, Captain America viene dichiarato nemico delloS.H.I.E.L.D. e viene attaccato in ascensore, ma il capitano riesce comunque a fuggire. Incontratosi con Natasha Romanoff, Rogers scopre che Nick Fury è stato ucciso dal Soldato d’Inverno, un temibile assassino con un braccio di metallo. In seguito, i due riescono a visualizzare i dati contenuti all’interno della chiave USB, che conducono alla base militare di Camp Leigh, nel New Jersey, dove Rogers è stato addestrato ai tempi della Seconda Guerra Mondiale. Captain America e l’agente Romanoff si recano in un locale segreto sotterraneo, dove attivano un vecchio computer degli anni settanta, nel quale sono conservate le conoscenze dello scienziato Arnim Zola, ormai morto. Il computer rivela che l’HYDRA si era segretamente infiltrata nello S.H.I.E.L.D. fin dalla sua fondazione, dopo la guerra, spargendo il caos in tutto il mondo ed eliminando tutte le possibili minacce, tra le quali Howard Stark. Ancora all’interno della base militare, Rogers e l’agente Romanoff vengono attaccati da un missile lanciato dallo S.H.I.E.L.D., ma entrambi si salvano miracolosamente riparandosi sotto una grata.

I due vengono ospitati da Sam Wilson, ex paracadutista dell’esercito e unico amico di cui Rogers possa fidarsi. Wilson si rivela essere stato anche pilota di attrezzature per il progetto “Falcon“, dal quale l’ex veterano di guerra prende il proprio nome in codice. Recuperato un esoscheletro per il progetto “Falcon”, i tre interrogano Jasper Sitwell, in realtà membro dell’HYDRA, il quale rivela che Arnim Zola ha sviluppato un algoritmocapace di identificare tutti gli individui che in futuro potrebbero opporsi ai piani dell’organizzazione. Grazie ai nuovi Helicarrier del progetto “Insight”, dotati di potenti cannoni e di puntamento satellitare, sarà possibile eliminare preventivamente questi individui con facilità, uccidendo rapidamente moltissime persone in tutto il mondo.

Mentre si dirige al quartier generale dello S.H.I.E.L.D., il gruppo viene attaccato dal Soldato d’Inverno, che uccide Jasper Sitwell, e da alcuni agenti dell’HYDRA. Captain America combatte duramente contro il Soldato d’Inverno, che alla fine perde la maschera e viene riconosciuto da Rogers come Bucky Barnes, suo migliore amico e compagno durante la Seconda Guerra Mondiale, fino ad allora creduto morto. Rogers, Wilson e l’agente Romanoff vengono catturati dalla squadra S.T.R.I.K.E. dello S.H.I.E.L.D., ma vengono salvati da Maria Hill, braccio destro di Nick Fury. L’agente Hill conduce il gruppo in un rifugio sicuro, dove scoprono che Fury è ancora vivo, anche se un po’ malconcio. Fury sta pianificando una missione per impedire ad Alexander Pierce, in realtà membro dell’HYDRA, di lanciare in aria gli Helicarrier del progetto “Insight”. Captain America e Falcon dovranno sostituire un chip nella scheda madre di ciascun Helicarrier, in modo da mandare in override i controlli satellitari.

Al Triskelion giungono anche i membri del Consiglio Mondiale per la Sicurezza, per assistere al lancio degli Helicarrier, non a conoscenza del vero obiettivo dell’HYDRA. Tuttavia, dopo che Captain America tramiteinterfono comunica all’intera base S.H.I.E.L.D. il vero piano dell’organizzazione nemica, Pierce, rivelatosi anche lui agente dell’HYDRA, prende in ostaggio i membri del consiglio. Nonostante le resistenze degli agenti dello S.H.I.E.L.D. ancora fedeli a Captain America, gli Helicarrier vengono lanciati, ma Rogers e Falcon riescono a salire su due di essi e a sostituire i chip, nonostante le varie difficoltà. Tuttavia il Soldato d’Invernoneutralizza le unità da guerra a servizio di Rogers e, raggiunto l’ultimo Helicarrier, distrugge l’armatura “Falcon” di Wilson e attacca Captain America. Rogers è così costretto a scontrarsi con Bucky, il quale non si ricorda del suo vecchio amico.

Intanto, Natasha Romanoff e Nick Fury intervengono nel Triskelion, facendo ostaggio Pierce. Questi viene costretto ad aiutare i due nemici, che hanno intenzione di far conoscere a tutti il passato dello S.H.I.E.L.D., insieme a quello dell’HYDRA. Dopo aver assassinato i membri del Consiglio per la Sicurezza Mondiale, Pierce viene ucciso da Fury, che gli spara più volte. Intanto, a bordo del terzo Helicarrier, dopo una sanguinosa lotta con il Soldato d’Inverno, Rogers riesce a sostituire l’ultimo chip, permettendo così a Maria Hill di ridefinire i bersagli e ordinare ai tre Helicarrier di distruggersi a vicenda. L’Helicarrier su cui si trovano Rogers e il Soldato d’Inverno si schianta contro il Triskelion, dove intanto Wilson aveva ingaggiato una dura lotta contro l’agente Brock Rumlow, che con la squadra S.T.R.I.K.E. aveva catturato Rogers. Rumlow viene travolto dalle macerie, mentre Wilson riesce a salvarsi gettandosi sull’elicottero dell’accorrente Fury. Rogers cade nell’acqua del Potomac River, prima che l’Helicarrier si schianti al suolo, ma a questo punto il Soldato d’Invernoriconosce Captain America e trascina fuori dall’acqua il suo vecchio compagno ferito e privo di sensi, prima di fuggire. Rogers viene poi ritrovato e portato all’ospedale, per poi riprendersi completamente.

Con lo S.H.I.E.L.D. allo sbando, Fury distrugge le ultime tracce della sua identità prima di dirigersi in Europa, alla ricerca degli altri membri dell’HYDRA. Maria Hill fa visita al settore “risorse umane” delle Stark Industries; Sharon Carter viene assunta dalla CIA; il senatore Stern viene arrestato in quanto membro dell’HYDRA; Rumlow viene ricoverato in ospedale a causa di gravi ustioni; Natasha decide di crearsi una nuova copertura, avendo rivelato la sua vecchia identità per smascherare l’HYDRA, mentre Captain America e Falcon decidono di andare alla ricerca del Soldato d’Inverno.

Scene durante e dopo i titoli di coda

Il Barone von Strucker discute dei piani dell’HYDRA con alcuni soldati, pianificando la rivincita della fondazione. Il Barone possiede lo scettro di Loki e tiene prigionieri due gemelli che possiedono particolari caratteristiche. Uno si muove ad una velocità incredibile, mentre un altro possiede grandi poteri telecinetici.

Il Soldato d’Inverno si reca al museo di Captain America, allo Smithsonian. In un pannello, Bucky vede una foto che lo ritrae al fianco di Captain America, realizzando di aver già conosciuto il supereroe.

 

  • Guardiani della Galassia (2014)

 

Trama

Nel 1988, in seguito alla morte della madre, il giovane Peter Quill viene rapito da un gruppo di pirati spaziali chiamati “Ravagers”, guidati da Yondu Udonta. Ventisei anni dopo, sul disabitato pianeta Morag, Quill ruba una misteriosa sfera, chiamata “Orb” per conto di un collezionista chiamato “Broker”. Quill, tuttavia, viene fermato da Korath, un alleato del feroce estremista Kree noto come Ronan l’accusatore. Quill riesce a seminare Korath ed a fuggire da Morag con la sfera ma Yondu, venuto a sapere del furto ed interessato all’Orb, mette una taglia sulla sua testa, mentre Ronan manda l’assassina Gamora a recuperare la sfera.

Quill si reca su Xandar, capitale dell’impero Nova, dove cerca di vendere la sfera al Broker, ma questi, venuto a sapere dell’interesse di Ronan per l’artefatto, decide di sospendere le trattative. In seguito Gamora tende un’imboscata a Quill e gli ruba l’Orb. Durante la lotta che ne segue, intervengono due cacciatori di taglie: un procione geneticamente modificato, Rocket Raccoon, e Groot, un alieno simile a un albero umanoide. Tuttavia, i Nova Corps, guidati da Rhomann Dey, intervengono ed arrestano i quattro, che vengono condotti alle Kyln, un carcere di massima sicurezza. In prigione, Gamora viene attaccata da Drax il Distruttore, un carcerato in cerca di vendetta su Ronan, responsabile della morte della sua famiglia. Quill riesce a convincere Drax a risparmiare la vita di Gamora, la quale rivela di aver tradito Ronan: il Kree, infatti, vuole distruggere Xandar e con esso milioni di innocenti, e Gamora vuole impedirlo. Dopo aver saputo che Gamora conosce qualcuno interessato alla sfera, Quill, Rocket, Groot e Gamora stessa si alleano per fuggire dalle Kyln.

Altrove, Ronan si incontra con il padre adottivo di Gamora, il potente titano Thanos, per discutere del presunto tradimento di Gamora. Accompagnati da Drax, il quale vuole vendicarsi di Ronan, Quill e il resto del gruppo riescono a fuggire dalle Kyln a bordo della Milano, l’astronave di Quill, e si recano a Knowhere, una remota stazione spaziale costruita nella testa di un Celestiale morto. Il gruppo si incontra con il contatto di Gamora, un collezionista chiamato Taneleer Tivan. Tivan apre la sfera, rivelando al suo interno una “Gemma dell’Infinito”, un artefatto di incommensurabile potere che solo in pochi riescono a tenere in mano senza morire. All’improvviso, Carina, la tormentata assistente di Tivan, afferra la sfera, scatenando una potente esplosione che distrugge la base di Tivan.

Nel frattempo, Drax, ubriaco, invia un messaggio a Ronan, invitandolo a raggiungerlo su Ovunque per sistemare i conti. Ronan arriva su Knowhere e e riesce a sconfiggere facilmente Drax, mentre il resto del gruppo cerca di sfuggire ai soldati di Ronan, guidati dalla sorella di Gamora, Nebula, desiderosa di uccidere la sorella. Nebula distrugge l’astronave di Gamora, lasciandola morente nella spazio, e Ronan fugge con la sfera. Quill si mette in contatto con Yondu e poi si dirige verso Gamora per cercare di salvarla. Yondu arriva in tempo e salva i due, ormai morenti nello spazio. Subito dopo, Rocket Raccoon, Drax e Groot minacciano di attaccare la nave di Yondu per salvare Gamora e Quill, ma quest’ultimo riesce a convincere Yondu ad aiutarlo per recuperare l’Orb. In seguito, Quill manda un messaggio a Nova Prime ed a Rhomann Dey, informandoli dll’imminente attacco dell’accusatore. Sulla Dark Aster, la sua nave ammiraglia, Ronan decide di tenere per sé la sfera, unendola al suo martello da guerra, e si mette in contatto con Thanos, minacciando di ucciderlo subito dopo aver distrutto Xandar. Nebula, piena di rancore nei confronti del padre adottivo, si allea con Ronan.

In orbita sopra Xandar giunge la Dark Aster, dove viene attaccata dai Ravagers, dai Nova Corps e dal gruppo di Quill, che riesce a penetrare le difese della nave. Mentre Ronan usa il potere della Gemma per distruggere la flotta dei Nova Corps e continuare la sua discesa verso la superficie, Drax uccide Korath, mentre Gamora sconfigge Nebula, che precipita nel vuoto e fugge su un’astronave dei Ravagers. Il gruppo si ritrova in balia del potere di Ronan ma Rocket fa schiantare la Milano contro Ronan e la Dark Aster, che precipita su Xandar. Mentre la nave precipita, Groot si sacrifica per i suoi amici e avvolge il gruppo in un bozzolo di radici, salvandoli. Ronan emerge sano e salvo dalle macerie della nave, pronto a distruggere Xandar; Quill riesce tuttavia a distrarlo, permettendo a Rocket e Drax di distruggere il suo martello. Quill riesce a sottrarre la Gemma all’Accusatore e, con l’aiuto di Gamora, Drax e Rocket, riesce a contenerne il potere ed ad usarla per disintegrare Ronan.

In seguito Yondu chiede a Quill di consegnargli la Gemma, ma l’umano lo inganna, dandogli una sfera con una bambola all’interno e consegnando la vera Gemma ai Nova Corps, in modo da poterla mettere al sicuro. Mentre i Ravagers se ne vanno, Yondu osserva di aver fatto bene, ventisei anni prima, a non consegnare Quill a suo padre, come invece avrebbe dovuto fare. Su Xandar, i Nova Corps cancellano tutti i precedenti crimini del gruppo di Star-Lord, ora noti come Guardiani della Galassia. Quill scopre di essere solo per metà umano, dal momento che suo padre è parte di una razza antica e sconosciuta. In seguito, Peter decide di scartare l’ultimo regalo di sua madre: una cassetta contenente le sue canzoni preferite. I Guardiani partono a bordo della Milano, ricostruita dagli Xandariani, insieme a un vasetto contenente un piccolo Groot, rinato da un rametto.

Scena dopo i titoli di coda

In una scena dopo i titoli di coda, il Collezionista si trova in mezzo alla sua base, completamente distrutta, insieme a due dei suoi pezzi da collezione: il cane astronauta Cosmo e Howard il papero.

 

  • Avengers: Age of Ultron (Maggio 2015)

 

Trama

I Vendicatori (Tony Stark, Steve RogersThorBruce BannerNatasha Romanoff e Clint Barton) attaccano una base dell’HYDRA a Sokovia, comandata dal barone Wolfgang von Strucker, il quale sta effettuando degli esperimenti sugli umani utilizzando lo scettro di Loki. I Vendicatori si scontrano con due gemelli dotati di abilità speciali, “potenziati” dagli esperimenti di Strucker: Pietro, in grado di correre a velocità superumane, eWanda Maximoff, che può manipolare le menti e creare campi di energia. Dopo un duro scontro, i Vendicatori riescono a catturare Strucker e a recuperare lo scettro di Loki.

Tornati alla Avengers Tower, Stark e Banner scoprono che all’interno della gemma dello scettro c’è un’intelligenza artificiale e in segreto la usano per completare il programma di difesa globale “Ultron“. Durante la festa organizzata per festeggiare il trionfo sull’HYDRA, tuttavia, Ultron si attiva e si crea un corpo dai rottami della Iron Legion e, credendo che l’unico modo per salvare la Terra sia eliminare la razza umana, distruggeJ.A.R.V.I.S., l’intelligenza artificiale di Stark, e attacca la squadra. Ultron fugge con lo scettro di Loki e si rifugia nella base di Strucker in Sokovia, dove potenzia il suo corpo e costruisce un’armata di droni. In seguito, il robot recluta i gemelli Maximoff, che ritengono Stark colpevole della morte dei loro genitori; Dopo aver ucciso Strucker, i tre, grazie alle informazioni del barone, si recano in Sudafrica dal trafficante d’armi Ulysses Klaue, l’unico in grado di procurar loro del vibranio. I Vendicatori riescono tuttavia a intercettarli e li affrontano, ma Wanda li sottomette, manipolando le loro menti e facendogli avere delle visioni tormentanti. Hulk, in preda alla follia causata dalle visioni, comincia a distruggere la città, e Stark è costretto a usare l’armatura Hulkbuster per fermarlo.

Con Ultron presente in tutti i sistemi informatici del mondo e ancora scossi dalle visioni causate da Wanda, i Vendicatori si rifugiano alla fattoria di Clint, un luogo sicuro, dove incontrano sua moglie Laura e i suoi figli, tenuti nascosti da Barton per motivi di sicurezza. Tuttavia, Thor decide di andarsene e di consultarsi con il dr. Erik Selvig sul significato della visione apocalittica indottagli da Wanda, mentre Natasha e Bruce, in intimità (la Vedova Nera è l’ unica in grado di placare Hulk, per il quale ha iniziato a provare dei sentimenti), pianificano di fuggire insieme alla fine della missione. L’arrivo di Nick Fury incoraggia la squadra a pensare a un piano per fermare Ultron, il quale, intanto, si è recato a Seul, dalla dottoressa Helen Cho, alleata dei Vendicatori, e l’ha costretta a usare il tessuto sintetico da lei ideato, insieme alla gemma dello scettro, per creare il corpo perfetto. Ultron comincia così a trasferire la sua coscienza nel nuovo corpo, ma Wanda, rendendosi conto di poter leggere nella mente del robot, scopre i suoi piani per l’eliminazione della razza umana, e insieme al fratello, si ribella ad Utron. Intanto, a Seul arrivano Capitan America, Vedova Nera e Occhio di Falco. Mentre Captain America combatte contro Ultron, Occhio di Falco riesce a recuperare il corpo sintetico, ma il robot, di contro, cattura Natasha e fugge nuovamente a Sokovia.

Nel mentre, alla Avengers Tower, Stark e Banner decidono di provare a trasferire J.A.R.V.I.S. – che si era nascosto su internet per sfuggire a Ultron – nel corpo sintetico. Thor, dopo essersi immerso in una vasca mistica in grado di generare visioni, ritorna e li aiuta ad attivare il corpo, spiegando che la creazione di questo androide è parte della sua visione, e che la gemma dello scettro è una delle sei Gemme dell’Infinito, i più potenti artefatti dell’Universo. Insieme alla neo-creata Visione e ai Maximoff, unitisi alla squadra, i Vendicatori si recano a Sokovia, dove Ultron ha usato il vibranio per costruire una macchina in grado di sollevare la città nel cielo e farla schiantare al suolo, generando così un impatto talmente potente da causare l’estinzione totale della vita. Mentre la città comincia a sollevarsi, Banner salva Natasha, che risveglia Hulk per la battaglia. I Vendicatori combattono l’esercito di Ultron e allo stesso tempo cercano di impedire al robot di mettere in pratica l’ultima parte del suo piano. I Vendicatori cercano di evacuare quanti più civili possibili, e in loro soccorso arrivano Nick Fury e Maria Hill, a bordo di un helicarrier, e War Machine. Tuttavia, Pietro muore per salvare Barton e un bambino da un attacco di Ultron. Wanda, disperata per la morte del fratello, abbandona la sua postazione per distruggere Ultron, permettendo così a uno dei droni del robot di attivare la macchina. La città comincia a precipitare, ma Stark e Thor riescono a sovraccaricare la macchina e a far esplodere la città. Hulk, timoroso di mettere in pericolo Natasha se dovessero fuggire insieme, si allontana a bordo di un quinjet, mentre la Visione affronta un Ultron ormai a pezzi e lo distrugge definitivamente.

Tempo dopo, i Vendicatori fondano una nuova base a nord di New York, gestita da Fury, Hill, Cho e Selvig. Fury spiega a Natasha che il quinjet di Banner si è schiantato, ma che con tutta probabilità l’uomo è riuscito a sopravvivere. Thor, ritenendo che la Gemma della Mente sia al sicuro con la Visione, torna ad Asgard per scoprire di più sulle misteriose forze che hanno manipolato gli eventi recenti per catturare le Gemme. Mentre Stark e Barton si ritirano (almeno momentaneamente) dalla squadra per dedicarsi alle proprie vite, Capitan America e la Vedova Nera si preparano ad addestrare una nuova squadra di Vendicatori, composta da James Rhodes, Wanda Maximoff, Visione e Sam Wilson.

Scena dopo i titoli di coda

Nella scena a metà dei titoli di coda, Thanos recupera il Guanto dell’Infinito e, insoddisfatto del fallimento delle sue pedine, afferma che recupererà di persona le Gemme dell’Infinito.

 

 

  • Ant-Man (Luglio 2015)

 

Trama

Il ladro Scott Lang deve aiutare il suo mentore, il dr. Hank Pym, a salvaguardare i progetti della tecnologia Ant-Man, che permette a chi la usa di ridurre le sue dimensioni ed aumentare la propria forza.

 

FASE 3

fase3

 

Questa fase è stata annunciata da poco e dovrebbe contenere ben 9 film, le fonti dovrebbero essere ufficiali. Questa fase termina con la battaglia finale degli Avengers (forse in compagnia dei Guardiani della Galassia) contro il boss numero 1: Thanos

 

 

Ecco un ulteriore riassunto dei film futuri in ordine cronologico:

CA_Supermovies_10-28-2014-2

 

 

 

– Attenzione, seguono spoiler su Avengers: Age of Ultron

LE GEMME DELL’INFINITO NELL’UNIVERSO CINEMATOGRAFICO MARVEL

Esistono Le Gemme dell’Infinito nel Marvel Cinematic Universe, e avranno una funzione sempre più importante nel corso della marcia verso Avengers: Infinity War, lungometraggio in due parti diretto dai fratelli Russo, previste per il 2018 e il 2019. Presumibilmente, nel suddetto film, gli Avengers dovranno affrontare il malvagio Thanos, il quale entrerà in possesso degli artefatti, imbrigliandone il potere grazie al Guanto dell’Infinito.

Gemme dell'Infinito 09Al momento, sono state rivelate quattro Gemme su sei: la prima è contenuta nel Tesseract, portale dimensionale visto in Captain America: Il primo Vendicatore e The Avengers, la seconda è rappresentata dall’Aether, visto in Thor: The Dark World, la terza è quella viola racchiusa nell’Orb diGuardiani della Galassia, e la quarta risiede invece nell’arma conosciuta come Scettro di Loki, come scoperto in Avengers: Age of Ultron.

Ipoteticamente, la corrispondenza colore/potere delle Gemme sembra essere differente rispetto alla loro controparte fumettistica, stando alle affermazioni del presidente dei Marvel StudiosKevin Feige, ma su questo non possiamo sbilanciarci ulteriormente.

Anche l’origine delle Gemme, stando a quanto affermato da Taneleer Tivan alias il Collezionista in Guardiani della Galassia, sembra essere differente in questa versione cinematografica delle stesse: a quanto parte i sei artefatti sono i resti di altrettante singolarità che esistevano prima del Big Bang, le quali vennero “compresse” nelle Gemme a seguito della nascita dell’universo.

C’è una buona possibilità che la gemma del Tempo venga svelata il 6 Novembre 2016 in Dottor Strange.

 

 

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

IL FALCY
Turin, Italy

Hi my name is Falcy and this is my World! I use this blog theme to tell people my story. Through all the places and things I see around the world, there isn't a best way to share my experience! Follow my daily updates and discover with me the essence of traveling!

Visited Places